“No Signori, così non va”- Domande ai vice premier

Domande ai vice premier

Le critiche a cui si prestano le agenzie fiscali e contributive sono veramente una mole impressionante e, purtroppo, tutte fondate. Diciamo purtroppo perché sarebbe anche giusto che chi è debitore verso lo Stato provvedesse a regolarizzare la sua posizione, a patto che tale debito scaturisca da una normale pressione fiscale, da un’equa valutazione delle cause che hanno portato al debito e da un civile tentativo di riconciliazione bonaria. Tutte cose totalmente assenti in Italia. E’ risaputo che in Italia abbiamo una pressione fiscale spesso superiore a paesi scandinavi, ma servizi da repubblica delle banane, che il debito non viene valutato ne vengono prese in esame le motivazioni che l’hanno generato, che spesso tale debito è inesistente, che non vi è mai, dico mai, la possibilità di un accordo civile.

Chiunque si rechi in un ufficio fiscale verrà trattato come un pezzente, anzi come un delinquente, come un evasore che mette in crisi l’intero sistema Italia con il suo operato da “mala vitoso” ( fonte esperienza personale). Una sorta di difesa preventiva che si manifesta sotto la forma di un’aggressività generalizzata tesa a prevenire e spegnere sul nascere qualsiasi contestazione, l’assurdo è che questo comportamento spesso funziona e molti vengono, così, scoraggiati dal ribellarsi a palesi ingiustizie, anche perché i costi per sostenere un eventuale azione in giudizio sono insostenibili per una piccola impresa o lavoratore autonomo.
Ma questo potrà essere possibile solo con un reset .

Non si guarisce un cancro con qualche aspirina e sinceramente nonostante anche noi inizialmente avevamo spinto per una maggioranza giallo/verde che almeno nel periodo pre-elettorale si erano mostrati benevoli , specie per le piccole partite iva , all’orizzonte si vedono solo pannicelli caldi ed aspirine.

Si chiede tempo , purtroppo è proprio questo , quello che ci manca .
Cosa avete intenzione di fare con i minimi INPS obbligatori ?
Cosa avete intenzione di fare con il durc che sta falcidiando una valanga di piccole ditte specie quelle individuali ?
Cosa avete intenzione di fare con la pace fiscale e con quali modalità , visto che le anticipazioni sono da brividi?
Cosa avete intenzione di fare con i tassi troppo alti di soglia di usura bancaria ?
Cosa avete intenzione di fare per arginare il caro fitto delle attività commerciali ?
Cosa avete intenzione di fare verso gli organi accertatori che ti entrano nell’attività e allora escono quando trovano qualcosa da multare ? Avete intenzioni di cambiare le regole di ingaggio?
Cosa avete intenzione di fare con il solve et repete (prima paga e poi fai ricorso) ?

Potrei continuare all’infinito e sicuramente chi leggerà ne scriverà altre , il problema è che la stragrande maggioranza delle cose che ho scritto nel contratto di governo non ci sono , ma sono esattamente le cose di cui il 90% di noi ha necessità urgente , per provare ad andare avanti.

Lino Ricchiuti – Presidente Movimento Popolo Partite Iva

 Esprimi la tua opinione e condividi